Slide background

Cittadini del mondo

La scuola è specchio della trasformazione della nostra società che da “italiana” sta diventando sempre più “multiculturale”. I cambiamenti spesso incutono timore poiché le conseguenze sono imprevedibili ed è così che molte persone provano sentimenti ambivalenti davanti al nuovo che nasce, al diverso che avanza, al senso di identità che muta. I sentimenti di spaesamento e alienazione sovrastano la curiosità e la voglia di conoscere l’inesplorato che dovrebbe caratterizzare quest’epoca storica.

Ed è così che partendo proprio dagli studenti, dalla loro disarmante semplicità e purezza, possiamo educare la società a guardare con occhi nuovi il processo di trasformazione che sta avvenendo. In che modo? Raccontando, informando, facendosi testimoni di storie di vita, vissuti, culture, tradizioni che vengono da lontano e che unendosi alle nostre possono dare vita a un terreno fertile di creatività, innovazione, mutuo sostegno, ricchezza, comprensione, apertura degli orizzonti del pensiero e del cuore. Partendo dalla narrazione di storie vere raccontate dagli studenti (e dagli adulti che sono stati bambini) per gli alunni, la classe verrà guidata in un viaggio multi esperienziale nelle diverse tradizioni culturali intrecciando storie e sguardi, punti di vista, usanze e costumi, imparando così a guardare l’altro al di là dell’apparenza e del pregiudizio, chiedendosi cosa quell’apparente diversità cela di prezioso e raro. Gli alunni della classe potranno infine creare la loro storia che li rappresenti come collettivo, mettendo in atto la creatività scaturita dal risveglio dell’interesse per il “diverso”: scopriranno come in realtà nessuno è alieno e siamo tutti parte di un tutto sfaccettato e meravigliosamente sempre diverso da sé stesso.