La storia

L’Associazione di volontariato Comunità Santa Maria della Venenta Onlus nasce giuridicamente nel 2000, anche se le sue radici risalgono ancora prima.

Nel 1990 quattro famiglie lasciarono i rispettivi appartamenti a Bologna e decisero di vivere insieme, per rendere concreta la propria professione di fede cristiana, attraverso l’esempio di vita e il mettersi a servizio dei bisognosi, condividendo i principi cristiani di: Comunione, Condivisione e Fratellanza. Nel tempo, altre persone hanno intrapreso lo stesso cammino e insieme continuano ancora oggi a portare avanti i valori cristiani su cui si basa la Comunità Santa Maria della Venenta.

L’Associazione è radicata sul territorio bolognese e nel cosiddetto territorio del Distretto Pianura Est. Porta avanti sul territorio varie attività di volontariato come la gestione di “puti di ascolto”, per la distribuzione ai senza fissa dimora o a famiglie in difficoltà, di cibo e beni di prima necessità. Inoltre, l’Associazione distribuisce cibo e vestiario a famiglie che si trovano in situazione di disagio socio-economico, segnalate dai Servizi Sociali Territoriali.

Dedicarsi alla preghiera è da sempre uno dei momenti fondamentali della Comunità e favorisce l’incontro e la condivisione fra tutti i volontari, le famiglie residenti e chiunque desideri partecipare.

Dal 2002 la Comunità ha iniziato ad accogliere persone presso la propria casa e, nel tempo, le famiglie residenti hanno scelto di offrire accoglienza ad altre piccole famiglie in situazioni di disagio. Oggi i progetti di accoglienza sono rivolti a mamme e bambini in situazioni di fragilità e in carico ai servizi sociali.

Nel 2007 la Comunità ha ottenuto l’autorizzazione al funzionamento come struttura residenziale di Accoglienza per gestanti e madri con figli, sulla base della normativa regionale in vigore.

Nell’ottobre 2011 le famiglie che formavano il cuore dell’Associazione di Volontariato decisero di costituire la Cooperativa Sociale “La Venenta” Onlus. La Cooperativa di fatto è il “braccio” dell’Associazione e può, per via della forma giuridica, ampliare ulteriormente le attività e i progetti rivolti a persone bisognose.

La Cooperativa gestisce strutture residenziali unendo la dedizione di Famiglie Residenti e la professionalità di Equipe Multiprofessionali a favore di famiglie o nuclei monogenitoriali in carico ai Servizi Sociali. La Cooperativa è sia di tipo A, sia di tipo B:

  • Eroga servizi socio-educativi
  • Favorisce opportunità di inserimento lavorativo per soggetti svantaggiati
  • Gestisce Comunità per gestanti e per madri con bambino
  • Gestisce Case Famiglia Multiutenza
  • Gestisce Comunità Familiari
  • Svolge servizi socio-educativi domiciliari presso gruppi appartamento (progetti Semi Autonomia e “Home Visiting”)